Archive for marzo 22nd, 2019

Incontro GdL 16 aprile 2019

Con ironia e un pizzico di nostalgia, Luca Bianchini ci prende per mano e ci porta a conoscere i sentimenti più nascosti in ognuno di noi, per scoprire che non hanno confini, "da Trieste in giù". Alla fine, ognuno di noi s'innamora di chi ci guarda per un attimo e poi ci sfugge per sempre.

Alla fine, ognuno di noi s'innamora di chi ci guarda per un attimo e poi ci sfugge per sempre

Angela non ha ancora vent'anni quando diventa madre, una mattina a Trieste alla fine degli anni Sessanta. Pasquale, il suo grande amore, è un "jeansinaro" calabrese, un mercante di jeans, affascinante e già sposato. Lui le ha fatto una promessa: "Se sarà maschio, lo riconoscerò". Angela fa tutti gli scongiuri del caso ma nasce una femmina: Emma. Pasquale fugge immediatamente dalle sue responsabilità, lasciando Angela crescere la bambina da sola insieme alla sua famiglia numerosa e sgangherata. I Pipan sono capitanati da un nonno che rimpiange il dominio austriaco, una nonna che prepara le zuppe e quattro zii: uno serio, un playboy e due gemelli diversi che si alternano a fare da baby sitter a Emma. Lei sarà la figlia di tutti e di nessuno e crescerà così, libera e anticonformista, come la Trieste in cui vive, in quella terra di confine tra cielo e mare, Italia e Jugoslavia. Fino al giorno in cui deciderà di mettersi sulle tracce di suo padre, e per lui questa sarà l'occasione per rivedere Angela, che non ha mai dimenticato. So che un giorno tornerai è un romanzo sulla ricerca delle nostre origini, la scoperta di chi siamo e la magia degli amori che sanno aspettare.

Recensione

È una storia malinconica, ma narrata in modo ironico, e non annoia mai perché è molto movimentata, c'è sempre qualcosa di nuovo che succede. È la storia di una famiglia e in particolare di Angela ed Emma, madre e figlia. Il lettore vede Emma crescere come una figlia, lungo il corso della storia, dalla sua nascita a quando diventa anche lei madre e ricerca così le sue origini. Cercherà quel padre che a malapena ha una volta incontrato, stando accanto ad Angela che è stata per lei sempre molto assente, mentre i suoi nonni e i suoi zii si occupavano di lei negli anni. Emma mi ha sempre fatto molta tenerezza e mi ha dato l’impressione di una ragazza forte e che ha sempre provato a cavarsela da sola. Nel complesso mi è piaciuto molto, per lo stile dell’autore, per l’intreccio, per il personaggio di Emma e per il finale.

Tiziana

Calendario
marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Alberto Lupo legge Kipling “SE”

Here is the Music Player. You need to installl flash player to show this cool thing!

Arnoldo Foa legge Leopardi

Here is the Music Player. You need to installl flash player to show this cool thing!

Ragazzo solo ragazza sola